Calendario
Data: 17/01/2021
Ora: 08:01
« Gennaio 2021 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
Login





 
Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.
 
Servizi
 
Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 1 ospiti
 
Statistiche
Visite: 21194
 
Sondaggio
Nessun sondaggio attivo in questo momento:
vecchi sondaggi

Attivitą/Intercultura e Italiano L2/Italiano L2/Alfabetizzazione -Donne migranti in montagna 2008

 Progetto “Donne migranti in montagna” parte del progetto “Alfabetizzazione” promosso dalla Regione Toscana, in convenzione con i comuni di Vernio e Cantagallo, l'Università per Stranieri di Siena e INDIRE (gennaio – maggio 2008)

Il progetto è stato elaborato in attuazione di accordo di programma tra Ministero della Solidarietà Sociale e Regione Toscana sottoscritto il giorno 11 Dicembre 2007 per lo sviluppo di interventi finalizzati alla diffusione della conoscenza della lingua italiana in favore di cittadini extracomunitari adulti regolarmente soggiornanti presenti in Italia.

Il progetto si è sviluppato con la collaborazione delle Amministrazioni Provinciali aderenti e dei Comuni di Cantagallo e Vernio, che da tempo hanno avviato una serie di corsi di formazione linguistica di donne immigrate in un’area montana della provincia di Prato particolarmente disagiata per le condizioni di isolamento del territorio. Hanno collaborato inoltre l’Università per Stranieri di Siena e l’Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell’Autonomia Scolastica. Al progetto hanno collaborato infine i settori dell’Amministrazione Regionale interessati per i profili attinenti all’integrazione sociale delle popolazioni immigrate, all’Istruzione Formazione e Lavoro, allo sviluppo dei sistemi informativi e delle reti telematiche 
 

Il progetto ha attuato la formazione di donne extracomunitarie residenti nei comuni di Vernio e Cantagallo, che presentavano forti difficoltà di inserimento socio-lavorativo, dovute in primo luogo alla scarsa conoscenza della lingua italiana e del territorio in cui vivono, nonché a condizionamenti propri delle culture di appartenenza.

I corsi si sono tenuti presso i locali messi a disposizione dal Comune di Vernio a Mercatale.
L’assiduità di partecipazione ai corsi è stata monitorata tramite i registri di presenze firmati dal docente e dalle allieve; per l’apprendimento della lingua italiana, sono stati utilizzati dei test d’ingresso, in itinere e finali per ogni singolo corso, mentre per un monitoraggio delle aspettative e dell’apprezzamento dei corsi, con eventuali critiche e suggerimenti, sono stati consegnati alle allieve dei moduli all’inizio di ogni corso, in itinere e alla fine.
Data la vastità del territorio preso in esame e la scarsità di collegamento dei trasporti pubblici in varie zone, i corsi si sono svolti in una zona centrale del comune di Vernio: le partecipanti residenti in comuni e frazioni diverse, hanno usufruito di un servizio di trasporto.
Per agevolare la partecipazione delle donne ai corsi, è stato fornito un servizio di baby-sitteraggio, con personale che si prendeva cura negli stessi edifici dei bambini delle utenti, impossibilitate per svariate ragioni a lasciarli a casa.
  
Corsi attivati:
-          A1: 1 corso di 47 ore
-          A2:  1 corso di 47 ore
-          A2: Lingua e cittadinanza attiva, 1 corso di 55 ore
-          B1: Lingua e cultura, 1 corso di 55 ore
 
 Periodo di intervento:
gennaio- maggio 2008 (corsi)
maggio 2008 (esame CILS)
  
Modalità didattiche
Data l'eterogeneità di estrazione scolastica delle utenti, sono stati attivati i seguenti corsi di lingua:
-          Lingua (livelliA1 e A2), è stato indirizzato a un’utenza con una buona scolarizzazione nel paese di origine (dal diploma di terza media al diploma di laurea) ma con scarse competenze in Italiano (livello A1-A2 del Quadro di Riferimento Europeo per l’apprendimento e insegnamento delle lingue). Il corso ha seguito un metodo comunicativo, con particolare attenzione alla produzione scritta. Anche in questo caso sono stati argomenti principali quelli riconducibili alla vita quotidiana e alle problematiche da essa derivanti: il corso è stato adattato alle esigenze pratiche delle utenti, con l’utilizzo di documenti autentici (articoli di giornale, testi..) ritenuti di interesse delle corsiste, e di indubbia utilità per lo sviluppo di competenze linguistiche, pragmatiche e socio-linguistiche.
-          Lingua e cultura, è statoincentrato su uno studio avanzato della lingua italiana, in unione ad un approccio di base con le produzioni artistico –culturali all’origine dell’identià italiana
-          Lingua e cittadinanza attiva, è stato incentrato su uno studio avanzato della lingua italiana, con particolare attenzione al settore della comunicazione orale e scritta concernente le attività quotidiane e la conoscenza e l’orientamento fra i servizi offerti dalla cittadinanza
 
 Metodi di verifica:
-          l’assiduità di partecipazione ai corsi è stata monitorata tramite i registri di presenze firmati dal docente e dalle allieve;
-          per l’apprendimento della lingua italiana, sono stati utilizzati dei test d’ingresso, in itinere e finali per ogni singolo corso,
-          per un monitoraggio delle aspettative e dell’apprezzamento dei corsi, con eventuali critiche e suggerimenti, sono stati consegnati alle allieve dei moduli all’inizio di ogni corso, in itinere e alla fine.
 
Beneficiari:
15 migranti di varie nazionalità (marocchina, algerina, albanese), residenti nei comuni di Vernio e Cantagallo
 
Indicatori di efficacia:
- ha partecipato al progetto il 6,96% della popolazione extracomunitaria residente nel territorio di competenza
- il 58,33% dei partecipanti al corso ha richiesto la certificazione
- il 100% dei richiedenti la certificazione ha superato l'esame

 


print